Archivi tag: piste sciistiche

NUOVA CORTINA DA BRIVIDO

Progetti alle porte per una nuova Cortina D’Ampezzo: la città veneta sarà amata da tutti

Il paese bellunese verrà stravolto da due opere principali: le innovative piste sciistiche e gli eventi che si terranno in questo luogo innevato. Possiamo confermare che una nuova Cortina è pronta al cambiamento.

Concrete opportunità all’orizzonte

A partire da quest’anno i campioni potranno mettersi alla prova con l’apertura di un comprensorio che ha 120 km di piste. La nuova Cortina può diventare avventura da vivere tra magici paesaggi. I milioni di turisti,invece, potranno godere dei Giochi Olimpici che si svolgeranno nel 2026 oppure sfruttare dell’esperienza del Circo Bianco o dei Mondiali di sci alpino del 2021.

Prima di tutto, ad ospitare gli sciatori, vi saranno piste più larghe e ben fatte. Un esempio sono le piste del Col Drusciè, realizzate in occasione dei Mondiali del 2021. Esse comprenderanno attività per squadre (Col Druscè A) e  allenamenti per i campioni (Col Drusciè B). E’ stato modificato anche il sistema di innevamento che produrrà minori consumi e maggiori prestazioni.

In secondo luogo, in riferimento ai progetti mondiali, viene rimodernata la Olympia delle Tofane. Essa è una delle più antiche piste della Coppa del Mondo al femminile. Il suo scopo è garantire sicurezza per lo svolgimento della nuova gara. Un ulteriore progetto è la Vertigine, una pista dedicata agli uomini dei Mondiali. Questo tipo di pista sarà aperta al pubblico durante questa stagione ed è una struttura chiamata così per le sue forme spaventose: una sfida fino all’ultimo respiro. Infine anche la finish area della Coppa del Mondo è stata ridisegnata e sarà disponibile dal prossimo gennaio.

Poi ancora per l’inverno imminente è stato costruito il complesso delle piste del Faloria. Si tratta di una pista nera e il suo nome è Scoiattolo . Il motivo della scelta è il legame con il simbolo di Cortina per l’agilità e la velocità di questa specie. Queste sono anche particolarità che ogni professionista deve avere.

La nuova Cortina d’Ampezzo si è cimentata anche in un’interessante iniziativa che è la comparsa di una prima cabinovia. Questo tipo di attrezzatura sarà agibile per l’inverno 2019/2020. Verrà chiamata la nuova Freccia nel Cielo. E’ una costruzione che consentirà un accesso ampio sopratutto per gare di slalom mondiale. Questa avrà peculiarità nuove e diverse che consentiranno nuovi percorsi ed esperienze.

Le attività fuori pista

Per allargare la nuova idea sciistica della città della nuova Cortina ci sono attività che coinvolgono anche chi preferisce la neve agli sci. Accoglieranno ogni turista le attenzioni del Wine Bar al Drusciè ed il suo ristorante oppure lo Chalet Tofana gestito da rinomati chef che faranno assaporare i loro piatti a ognuno.

Si può dire che la chiave per il successo per la nuova Cortina,allora,è fare squadra. Marco Zardini, presidente del Consorzio Esercenti Impianti a Fune, è totalmente d’accordo e crede che portando avanti questo ideale si arriverà molto in alto avendo un futuro radioso.

Per ulteriori approfondimenti:  impianti risalita     progetto nuova cabinovia   cortina2021

Fonte: omniarelations.com

 

RIAPRE MELETTE 2000 AD ASIAGO. NUOVI IMPIANTI SCIISTICI ALL’AVANGUARDIA GRAZIE AI PROGETTI DI RINNOVAMENTO DEL COMUNE

Da quest’inverno aumenta il confort e si riducono i tempi di attesa per uno dei comprensori più amati per gli appassionati dello sci: le Melette.

Un ponte di collegamento, un parcheggio ampio e nuovi impianti ultra all’avanguardia. Tutte innovazioni che rendono le Melette, gruppo di rilievi montuosi nell’Altopiano dei Sette Comuni, sempre migliori.

A seguito di due anni di lavori, la stazione sciistica riapre a dieci minuti dalla suggestiva città montana di Asiago per tornare ad essere una delle mete favorite dagli sciatori del Nord-Est grazie a piste raggiungibili e appassionanti.

La nuova seggiovia a sei posti ad agganciamento automatico sarà funzionante a Natale per condurre gli appassionati alla cima delle Melette. Sarà la prima volta che un impianto di ultima generazione in fatto di tecnologia verrà adottato sull’Altopiano del Nord-Est. Tutto ciò permette agli sciatori di risparmiare tempo, in quanto impiegheranno pochissimo tempo per raggiungere la cima.

Un’ulteriore seggiovia quatriposto condurrà gli sciatori in cima al Monte Ongara.

Le novità non finiscono qui. Ci sarà un nuovo ponte che collegherà la pista che scende dal Monte Ongara e la pista principale delle Melette, ottima soluzione per non sfilare gli sci nel passaggio.

Risultato: 25 km di piste sciistiche, semplici da raggiungere grazie al nuovissimo parcheggio. L’appalto di 10 milioni di euro (9 milioni dal Comune di Asiago, di cui 8 milioni di contributo fondi ODI, e 1 milione dal Comune di Gallio) è stato ampiamente utilizzato ad hoc.

Lo dichiara anche il sindaco di Asiago, Roberto Rigoni Stern:

“Quest’opera è di fondamentale importanza per lo sviluppo turistico, economico e sociale di Asiago e dell’Altopiano. Attraverso il rilancio delle Melette puntiamo a migliorare gli standard qualitativi della nostra offerta invernale ed estiva e a ridare lustro a un comprensorio amato e frequentato da generazioni di famiglie. I benefici di questo importante investimento avranno un positivo impatto sull’indotto di tutto il territorio”.

Progetti futuri

La zona montana di Asiago sarà interessata da altre innovazioni e novità.

Kaberlaba è interessato da un progetto di riqualificazione per allargare il bacino di approviggionamento idrico. Esso, ad oggi, è già in funzione e, grazie ai miglioramenti, potenzierà l’innevamento delle piste. Una nuova seggiovia quadriposto e la realizzazione di una nuova pista di raccordo sono parte dell’ambizioso progetto.

Verena 2000, skiarea, sarà dotata, anche’essa, di una nuova seggiovia centrale a 6 posti e l’innevamento sarà potenziato.

Per maggiori informazioni turistiche e prenotazioni:
www.asiago.to
www.asiago.it
www.guideasiago.com
www.guidealtopiano.com

Fonte: Comune di Asiago