Archivi tag: evasione

TARI IN BOLLETTA: LA PROPOSTA DELLA LEGA

Nuova tassa sui rifiuti prevista nella bolletta, come con il Canone Rai.

La Lega ha presentato un nuovo emendamento collegato alla legge di Bilancio. Tale manovra prevede una tassa sui rifiuti inserita nella bolletta elettrica.

Per il momento si tratta soltanto di una proposta che sarà discussa in Senato. L’ipotesi della Tari nella ricevuta darebbe la possibilità di inserire il prelievo per il servizio rifiuti direttamente nella bolletta della luce. Ciò riguarderebbe solamente i Comuni in situazioni critiche.

Le amministrazioni locali potranno dunque chiedere alle imprese elettriche di inserire ogni sei mesi il pagamento della tassa nella fattura, proprio come avviene per il Canone Rai.

L’intento della misura è quello di contrastare l’evasione connessa a questa imposta, in quanto sono state rilevate alte percentuali di mancato pagamento in certi Comuni italiani.

Massimo Garavaglia, viceministro dell’Economia, a tale proposito, ha però espresso alcuni dubbi riguardo l’effettiva realizzazione della manovra a causa delle diverse ritrosie presenti tra le parti politiche.

Fonte

ADDIO SCONTRINO CARTACEO, ARRIVA LO SCONTRINO ELETTRONICO

Il nuovo decreto fiscale abbandona lo scontrino cartaceo. Il fisco, con la manovra, punta sull’elettronico per combattere l’evasione.

La e-fattura scatta da gennaio si affianca all’invio elettronico degli scontrini. Un definitivo addio al tagliando cartaceo. Dal prossimo luglio, l’introduzione graduale, interesserà i contribuenti con un volume d’affari superiore a 400 mila euro l’anno e poi, dall’inizio del 2020, tutti gli altri esercenti, anche i più piccoli. Sarà accompagnata dall’arrivo di una «lotteria dei corrispettivi» e da uno sconto fiscale per i negozianti per aggiornare o acquistare un registratore di cassa elettronico.

Una prima bozza della manovra contiene anche un ‘condonò, ovvero una doppia sanatoria per le cartelle e per le liti fiscali pendenti. Stop anche all’aumento delle accise della benzina prevista a partire dal gennaio 2019 da un decreto approvato nel giugno di due anni fa per finanziare lo sconto ‘Acè (Aiuto alla Crescita Economia) delle imprese.

Tra le misure della bozza vi sono anche la proroga del prestito ponte all’Alitalia e il ristoro dei risparmiatori danneggiati dalla crisi delle banche. Le norme di maggior impatto della manovra sono proprio le due sanatorie e l’arrivo dello scontrino elettronico. Il provvedimento punta a semplificare il sistema, ampliare i dati delle dichiarazioni dei redditi precompilate e superare la conservazione di ricevute e scontrini. Controlli tempestivi e la possibilità di avviare analisi del rischio evasione sono tra i benefici disponibili, oltre all’avvio della digitalizzazione del paese anche in quest’ambito.

Per i farmacisti sono previste norme ad hoc e un ausilio da parte dell’Agenzia delle Entrate per favorire il passaggio con procedure web gratuite anche su tablet o smartphone. Per i nuovi registratori di cassa che memorizzano gli scontrini vi è uno sconto fiscale pari al 50% del costo.

Fonte: Adico