Archivi tag: 2019

2019: ANNO NAZIONALE DEL TURISMO LENTO

Il 2019 è l’anno nazionale del turismo lento: un nuovo modo di viaggiare all’insegna dell’eco-sostenibilità.

Il 2019 sarà l’Anno nazionale di un nuovo modo di viaggiare, quello del turismo lento. Negli ultimi anni la tendenza è stata quella dei viaggi di breve durata, i cosiddetti “short breaks”. Week-end o pochi giorni per staccare la spina e raggiungere qualche capitale europea.

Ora, invece, la propensione degli italiani si sta spostando verso un modo diverso di fare turismo che si basa sulla scoperta delle bellezze nascoste del Bel Paese, attraverso cammini e pedalate, all’insegna del rispetto dell’ambiente e dei territori visitati.

Un turismo che i viaggiatori sembrano amare sempre di più, com’è emerso anche dall’ottavo rapporto “Gli italiani, il turismo sostenibile e l’ecoturismo” realizzato dalla Fondazione UniVerde in collaborazione con IPR Marketing.

Stando ai dati di questo studio, il 78% degli intervistati è a conoscenza della definizione di “turismo sostenibile”, mentre il 64% sa che l’“ecoturismo” è una forma di turismo che rispetta l’ambiente e valorizza le risorse naturali e storico-culturali di un territorio.

Le persone hanno iniziato quindi a comprendere il valore dell’esperienza e delle emozioni ad essa connesse. Non più tempi frenetici, orari da rispettare. Basta itinerari basati unicamente sulle mete di tendenza, che non sono in grado di esprimere la tipicità di un luogo.

La chiave è procedere lentamente, seguendo il ritmo della natura e delle realtà locali per scoprire tutti i segreti che nasconde ogni luogo. Il tutto adottando un approccio sostenibile, nel pieno rispetto dell’ambiente e dei suoi abitanti.

“Come il 2016 è stato l’anno nazionale dei cammini, il 2017 l’anno nazionale dei borghi e il 2018 l’anno del cibo italiano, il 2019 sarà l’anno del turismo lento. […] Sarà un modo per valorizzare i territori italiani meno conosciuti dal turismo internazionale e rilanciarli in chiave sostenibile favorendo esperienze di viaggio innovative ”, sono state le parole delll’ex ministro dei Beni culturali e turismo Dario Franceschini.

 

Ecco alcuni dei cammini consigliati:

1. Cammino dei briganti

Ben 100 km di cammino, tra gli 800 e i 1300 metri, attraversando paesi medievali e natura selvaggia, tra Abruzzo e Lazio. Il Cammino dei Briganti ripercorre le orme della Banda di Cartore tra la Val de Varri, la Valle del Salto e le pendici del Monte Velino.

2. Verso il Santuario della Verna

Un cammino molto suggestivo quello per raggiungere il santuario della Verna, sull’Appennino Toscano. Nel cuore di una foresta di faggi e abeti, è un mix di spiritualità, arte, cultura e storia. Una tappa obbligata sulle tracce di San Francesco d’Assisi per chi ama il trekking.

3. Via Postumia

Un vero e proprio viaggio, da Aquileia a Genova, sulle orme dell’antica Via Postumia che attraversa varie regioni italiane: Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Liguria. La via consolare romana è oggi un percorso di 930 km, tutto da scoprire, sia a piedi che in bicicletta.

4. Cammino nelle Terre mutate

Da Fabriano all’Aquila passando per Amatrice, Castelluccio e gli luoghi devastati dai terremoti degli ultimi anni. Questo percorso, che attraversa quattro regioni, si è svolto a luglio dello scorso anno, ma aspira a diventare una vera e propria strada percorribile da tutti.

5. Magna via Francigena

Il Cammino di Santiago siciliano, un percorso mozzafiato lungo 160 km, che attraversa le province di Agrigento, Caltanissetta e Palermo. Un tuffo nella Sicilia interna e meno conosciuta.

6. Transiberiana d’Italia

Uno dei viaggi sui treni storici più belli d’Italia. Questa ferrovia di montagna attraversa gli splendidi paesaggi del Parco Nazionale della Majella e degli Altipiani Maggiori d’Abruzzo.

 

Fonte

BAROCCO E OPERA:I MUSICI VENEZIANI 2019

I Musicisti Veneziani si esibiranno nel concerto “Barocco & Opera”

Venezia si fonde con il barocco. I suoi Musici interpreteranno i più bei momenti della tradizione di questo arco temporale e canteranno la lirica di Verdi e Puccini.

Nel dettaglio, l’evento sarà celebrato nell’Orchestra “I Musici Veneziani”  composta dai più grandi diplomati nei conservatori di Venezia. Questi si esibiscono accompagnati da celebri cantanti d’opera e solisti di fama internazionale.

La rappresentazione barocca fa riferimento alla Scuola Grande di San Teodoro, dedicata al primo patrono di Venezia. Il progetto della scuola venne ampliato di volta in volta. Il primo scopo dell’istituzione era legato a motivazioni sociali, di beneficenza. Poi cambiò vari usi e destinazioni fino a diventare un museo commerciale e un cinema.

Infine, in questa struttura, l’Orchestra de I Musici Veneziani iniziò a tenere i propri concerti al suo interno. Essa divenne la più prestigiosa Sala da Concerto di Venezia.

Fonte