Archivi categoria: Notizie

COME RISOLVERE I DEBITI CON LE BANCHE?

E’ possibile risolvere i debiti con le banche?

Hai avuto bisogno di soldi, forse non una ma più volte. Ti sei rivolto alla banca convinto di potere, in qualche modo, restituire ogni centesimo dei prestiti ottenuti. Ma qualcosa si è inceppato nel frattempo e sei finito in difficoltà: l’imprenditore ha sentito la crisi, il privato ha avuto delle spese inaspettate. I motivi possono essere diversi.

Il fatto è che devi risolvere i debiti con le banche, ma non sai come. Temi che da un momento all’altro ti arrivi un pignoramento. Che l’ufficiale giudiziario bussi alla tua porta con uno sfratto esecutivo. Che tutto quello che hai costruito con fatica si polverizzi in pochi secondi.

A tal proposito, una sentenza del tribunale di Busto Arsizio e una legge del 2012, nota come la Salva-suicidi, dicono che chi è onestamente in difficoltà e vorrebbe risolvere i debiti con le banche può essere aiutato.

Non si parla di azzerare il conto ma, piuttosto, di stringere un accordo, trovare un compromesso per pagare di meno utilizzando le risorse che si hanno a disposizione, senza dover cercare quelle impossibili da reperire.

 

Che cos’è il saldo e stralcio?

Uno dei modi per risolvere i debiti con le banche è quello di ricorrere al saldo e stralcio. Un metodo riconosciuto dalla legge Salva-suicidi, approvata nel 2012.

Questa legge consente al cittadino di recarsi in tribunale e di presentare una richiesta di saldo e stralcio del debito che, in parole tecniche, significa aderire a quello che si chiama il “piano del consumatore“. In questo modo il richiedente può vedersi ridurre il debito senza che il giudice senta nemmeno i creditori. Ciò, ovviamente, nel caso in cui il magistrato veda che ci siano i presupposti.

Va da sé che il cittadino può, in questo modo (garantendo di rispettare la decisione del giudice), risolvere i debiti con le banche perché dovrà pagare una cifra più bassa di quella pretesa all’inizio. E che, in fondo, le banche saranno contente di poter incassare qualcosa di fronte alla probabilità di non aver alcun ritorno o di dover avviare una noiosa procedura di esecuzione forzata del pagamento.

Il saldo e stralcio viene, di solito, eseguito in una soluzione unica, a meno che le parti si accordino per un pagamento a rate.

 

Risolvere i debiti verso un solo creditore

Mentre la legge contemplava questa possibilità per i debiti contratti con un insieme di creditori, i tribunali si portavano oltre e puntavano ad applicare la normativa ai casi in cui di creditori ce ne fosse soltanto uno.

Il primo passo lo ha dato il tribunale di Busto Arsizio (Varese) nei confronti della ormai estinta Equitalia, oggi sostituita dall’Agenzia delle Entrate Riscossione. Suo il provvedimento con cui sono stati dimezzati 8 mila euro di debito con il Fisco grazie al fatto che il contribuente ha proposto di vendere un suo immobile e di pagare l’Agenzia con il ricavato dell’operazione.

Passa poco più di un mese ed ecco che un altro tribunale, quello di Napoli, si muove nella stessa direzione. Questa volta, però, non con il Fisco come interlocutore ma con davanti una banca. In tale occasione il magistrato campano ha decretato che un consumatore in difficoltà (vera e documentata) ha il diritto di vedersi dimezzare un mutuo ipotecario, anche se l’istituto che ha erogato il finanziamento non è d’accordo. Oltretutto gli conviene essere favorevole a questa soluzione: evita alla banca ulteriori costi per procedere al pignoramento dell’immobile e alla vendita all’asta da cui non ricaverà una somma ingente.

 

Risolvere i debiti dell’imprenditore

Se sei un imprenditore, per risolvere i debiti con le banche puoi appellarti alla legge del 2015 grazie alla quale è possibile trovare un accordo con la banca o con l’intermediario finanziario per programmare un rientro del debito senza particolari traumi.

Per cercar di trovare un’intesa contro il sovraindebitamento (tecnicamente si chiama «ristrutturazione del debito»), occorre una relazione di un revisore contabile e la garanzia che l’accordo possa essere portato a termine, cioè che i creditori ricevano i soldi. Inoltre, l’esposizione del sistema bancario deve essere di almeno il 50% dell’insieme dei debiti dell’impresa.

Solo a quel punto l’imprenditore può proporre l’accordo. Nel caso in cui venga raggiunto ed il titolare dell’impresa abbia più creditori appartenenti a categorie diverse, il debitore può chiedere che gli effetti dell’intesa vengano estesi a chi non ha firmato l’accordo sempre che:

tutti siano stati informati delle trattative in corso ed invitati a partecipare al negoziato;

i crediti di chi ha firmato l’accordo rappresentino almeno il 75% del totale del debito.

Se qualche creditore non intende riconoscere l’accordo, ha 30 giorni per presentare opposizione.

L’intesa produrrà i suoi effetti nel momento in cui sarà stata omologata dal tribunale, previa verifica delle condizioni dell’accordo e del corretto svolgimento della procedura e delle trattative.

Fonte: Adico

CONIUGI DISDICONO CONTRATTO TELEFONICO E RICEVONO FATTURA DA 770,75 EURO

Due coniugi mestrini disdicono in anticipo il contratto telefonico e ricevono una fattura da 770,75 euro: il caso seguito dall’Adico.

Due coniugi mestrini, dopo aver disdetto la promozione Tim sfruttando la possibilità di recesso gratuito (dovuto a modifiche unilaterali del contratto), si sono ritrovati con una fattura esorbitante da pagare di 770,75 euro.

Una vicenda che rappresenta solo la punta dell’iceberg di un mondo, quello della telefonia e di internet, in cui le parole chiarezza e trasparenza sono per lo più sconosciute.

Il caso di marito e moglie mestrini, seguito dall’ufficio legale dell’Adico si può considerare emblematico.

Ancora un anno fa i due coniugi hanno deciso di disdire la propria promozione Tim per aderire a un’altra, sempre con la stessa compagnia. Il recesso doveva essere gratuito visto che l’azienda, come le altre compagnie telefoniche, avevano in quel periodo portato la fatturazione a 28 giorni con una modifica unilaterale dei contratti che permetteva all’utente il recesso gratuito.

Alla fine del 2018 la coppia, invece, ha ricevuto una fattura di circa 770 euro: 49 euro per i costi di disattivazione della fibra, 125 euro per le rate residue del modem e 600 euro per l’annullamento degli sconti a causa della cessazione anticipata.

Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, spiega che l’uffico legale dell’associazione contesta in toto questa bolletta in quanto il recesso doveva essere gratuito.

Sono numerosi ormai i casi simili a questo. In particolare, gli utenti segnalano il mancato rispetto delle spese prospettate alla firma del contratto e i costi esorbitanti e spesso non annunciati per il recesso anticipato.

Secondo l’Adico, a questo punto, bisognerebbe imporre alle aziende una carta della trasparenza, nella quale venga indicato in modo chiaro a quanto ammonta esattamente la spesa e quanto costa disdire il contratto.

Fonte: Adico

“SOCIAL DOWN” IN TUTTO IL MONDO

“Social down” in tutto il mondo. Risolto il malfunzionamento dei colossi Social.

Tra le 16 e le 17 di ieri, migliaia di utenti a livello mondiale hanno segnalato problemi di malfunzionamento di Facebook, Instagram, Messenger e WhatsApp, i quattro pilastri dell’impero di Mark Zuckerberg.

L’impossibilità di poter postare su queste piattaforme ha subito fatto diventare di tendenza su Twitter hashtag come #facebookdown e #instagramdown.

I problemi non hanno riguardato solo i singoli utenti, ma anche molte aziende e istituzioni che utilizzano proprio i social come canale di comunicazione.

Ora il disservizio sembra rientrato. Alle 5 di questa mattina Instagram ha infatti twittato “siamo tornati”.

Il malfunzionamento su Facebook invece è durato circa 15 ore, uno dei più lunghi di sempre. Attualmente la pagina che riporta lo status di Facebook, dedicata agli sviluppatori, continua a segnalare una “interruzione parziale”.

Fonte: Ansa

ADICO RIPROPONE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E COMPILAZIONE DEL MODELLO 730

Adico ripropone a grande richiesta il servizio di assistenza e compilazione del modello 730. Primo appuntamento sabato 13 aprile.

Dopo il grande successo degli scorsi anni, anche per il 2019 Adico propone il servizio di assistenza alla compilazione del modello 730, ma con una grande novità legata ai provvedimenti introdotti dall’attuale governo.

L’associazione, infatti, seguirà anche le pratiche di coloro che intendono richiedere il reddito di cittadinanza, misura contro la povertà che necessita di requisiti ben precisi.

 

Gli appuntamenti

Gli appuntamenti sono fissati al sabato, dalle 9 alle 13. I primi sono programmati ad aprile, precisamente il 13 aprile e il 27 aprile.

Tutti i soggetti che necessitano del servizio possono accedervi, siano essi soci o non soci.

Per chi ha già utilizzato il servizio di Adico lo scorso anno non è necessario che porti i 730 degli anni passati, mentre chi lo utilizza per la prima volta deve presentare anche il modello 730 del 2018.

Ai pensionati verrà scaricato il CUD direttamente nella sede dell’associazione.

 

Prenotazioni

Gli appuntamenti vengono fissati contattando la segreteria dell’Adico, preferibilmente la mattina, dal lunedì al venerdì (orario 9-13 e 15-19). Numero di telefono: 041-5349637.

 

Documentazione necessaria

E’ necessario portare sia la documentazione originale che fotocopiata. L’associazione terrà solo le fotocopie, NON verranno ritirati documenti originali.

Per conoscere nel dettaglio quali sono i documenti da presentare, consultare il sito Associazione Difesa Consumatori

 

Fonte: Adico

CAPARRE SPARITE: IL CASO A MESTRE

Caparre sparite. Adico pronta a querelare l’agenzia immobiliare mestrina.

Adico è pronta a querelare il referente dell’agenzia immobiliare La Fenice di Via Castellana, a Mestre, il quale si è reso colpevole di aver raggirato diversi clienti.

L’associazione segue da alcune settimane la vicenda di un socio che lamenta di aver consegnato una caparra all’agenzia, ma di non aver mai avuto la casa.

Nel mese di ottobre dello scorso anno la “vittima”, un 46enne cittadino moldavo, si è rivolto all’immobiliare di Via Castellana per trovare un appartamento in affitto.

L’agenzia ha proposto un appartamento a Mestre, zona Cipressina, e l’uomo lo ha trovato di suo gradimento. Così ha richiesto di poter sottoscrivere un contratto di locazione per potersi trasferire quanto prima nell’alloggio.

Il referente dell’agenzia, senza aver fatto sottoscrivere il contratto di locazione e senza avere mai indicato il nominativo del proprietario dell’immobile, il 3 novembre di quest’anno ha chiesto al cliente il versamento di 1.920 euro a titolo di deposito cauzionale, rilasciando due distinte ricevute.

Dopo la consegna degli importi richiesti, a S.D. è stato garantito che avrebbe potuto trasferirsi nel giro di qualche giorno nell’appartamento. Ma così non è stato.

Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, conferma “L’immobiliare non ha mai fatto sottoscrivere il contratto di locazione e non ha mai consegnato l’immobile, tanto è vero che il nostro socio ha dovuto trovare un’altra sistemazione”.

Poiché l’agenzia non aveva fornito alcun chiarimento sui motivi del ritardo, sulla mancata stipula del contratto di locazione e sulla consegna dell’immobile, il 46enne si è recato presso la casa in cui teoricamente doveva andare ad abitare per verificare se effettivamente l’appartamento fosse disponibile, scoprendo dai vicini che in realtà era stato messo in vendita e che la proprietaria non aveva intenzione di metterlo in affitto.

L’uomo si è così rivolto all’ufficio legale dell’Adico, tramite il quale è stata intimata la restituzione dei soldi senza ottenere risposta. A questo punto, Adico ritiene che la condotta del personale dell’agenzia immobiliare vada a configurare ipotesi di reato, quindi ha deciso di predisporre una querela per truffa e/o appropriazione indebita.

Fonte: Adico

AUTOVELOX: MULTA CONTESTABILE SE L’APPARECCHIO NON E’ VISIBILE

Autovelox, multa contestabile se l’apparecchio o la pattuglia non sono ben visibili.

La Corte di Cassazione nell’ordinanza del 5 marzo ha stabilito che l’autovelox, oltre a essere correttamente segnalato, deve essere ben visibile dagli automobilisti, al pari della pattuglia che si trova in prossimità, altrimenti la multa per eccesso di velocità è contestabile.

Tale responso arriva dopo la contestazione di una contravvenzione elevata per eccesso di velocità dalla Polizia Stradale e per la quale era stato fatto ricorso presso il Tribunale di Livorno.

Quest’ultimo ha rilevato che il cartello di avviso della presenza dell’autovelox era posizionato correttamente, ma che la pattuglia non aveva valutato la propria visibilità e quella del dispositivo di rilevamento.

I giudici di Cassazione, hanno infatti affermato che «le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità devono essere ben visibili e la necessaria visibilità della postazione di controllo per il rilevamento della velocità quale condizione di legittimità dell’accertamento, con la conseguente nullità della sanzione in difetto di detto requisito, è stata da ultima affermata anche da questa Corte (Cassazione 25392/2017)».

La sentenza esaminata è stata dunque cassata e rimandata ad un tribunale altro da Livorno il quale dovrà valutare proprio la presunta “non visibilità” dell’Autovelox.

Ancora una volta quindi la Corte di Cassazione interviene sui metodi di assegnazione delle multe per eccesso di velocità attraverso strumenti elettronici per il rilevamento di un’infrazione fornendo un’interpretazione a favore degli utenti della strada.

Fonte: Adico

IN ARRIVO LA PENSIONE DI CITTADINANZA

In arrivo la pensione di cittadinanza, il sostegno economico rivolto agli anziani.

Accanto al reddito di cittadinanza, il nuovo decreto prevede anche la pensione di cittadinanza.

Si tratta di un sostegno economico indirizzato agli anziani che vivono con un reddito mensile che è al di sotto della soglia di povertà stabilita dall’Eurostat, pari a 780 euro.

L’obiettivo è quello di aumentare le pensioni minime e di contrastare la povertà con un’integrazione della propria pensione, fino al raggiungimento della predetta soglia.

 

Importo e beneficiari

beneficiari della pensione di cittadinanza saranno 369 mila, circa il 13,7% del totale dei 2,7 milioni di percettori.

La pensione di cittadinanza è costituita da una componente che integra il reddito familiare, fino alla soglia di 7.560 euro annui, moltiplicata per il corrispondente parametro della scala di equivalenza.

È prevista una componente a integrazione del reddito dei nuclei familiari residenti in abitazione in affitto pari all’ammontare del canone annuo previsto nel contratto di locazione, come dichiarato a fini ISEE, fino a un massimo di euro 1.800 annui.

L’integrazione è concessa anche nella misura della rata mensile del mutuo ai nuclei familiari residenti in abitazione di proprietà. Ciò nel caso in cui, per l’acquisto della casa, sia stato contratto un mutuo da parte di uno dei membri dello stesso nucleo familiare.

Complessivamente potrebbe spettare un’integrazione del reddito fino al raggiungimento di 9.360 €. Mensilmente, quindi, l’interessato ha diritto ad un massimo di 780 €. In ogni caso, l’integrazione non può essere inferiore ai 480 € annui.

Il beneficio, di durata continuativa non superiore a 18 mesi (rinnovabile), decorrerà dal mese successivo a quello della richiesta e il suo valore mensile sarà pari a un dodicesimo del valore su base annua. Inoltre, la pensione di cittadinanza è suddivisa in parti uguali tra i componenti del nucleo familiare.

 

Come presentare la domanda

La domanda per la pensione di cittadinanza va presentata dopo il quinto giorno di ciascun mese mediante modalità telematica online, direttamente sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali al link Reddito di cittadinanza tramite Spid.

In alternativa si può presentare in modalità cartacea, presso gli uffici postali avvalendosi del modello di domanda predisposto dall’Inps, dal 6 marzo 2019 (e da ogni giorno 6 del mese).

La domanda verrà inserita subito nel portale del Ministero del Lavoro dall’operatore di sportello di Poste o recandosi ad un Caf, previa stipula di una convenzione con l’Inps, sarà proprio l’Istituto che dovrà approvare il modulo di domanda e di comunicazione dei redditi.

Entro 5 giorni lavorativi dalla ricezione della domanda l’Inps verificherà il possesso dei requisiti per l’accesso in base delle informazioni disponibili negli archivi.

Fonte: Adico

COPPIE IN CRISI: AUMENTO DEI DIVORZI NEL COMUNE DI VENEZIA

Coppie in crisi, aumentano dell’8,7% i divorzi nel Comune di Venezia.

Al giorno d’oggi sempre più coppie entrano in crisi e ciò ha portato a un netto aumento del numero dei divorzi.

Nel Comune di Venezia, infatti, il 2018 registra un nuovo aumento delle persone divorziate, che dalle 8.875 del 2017 sono passate alle 9.644 del 2018 con un rilevante incremento dell’8,7%.

A testimoniare le difficoltà fra mogli e mariti è la consueta indagine dell’Adico che ha monitorato gli ultimi dati dell’Istat confermando ciò che si temeva: nel Comune di Venezia i divorzi sono ancora in crescita.

Un trend testimoniato anche dai molti accessi allo sportello “separazione e divorzio contestuale” dell’associazione e che rivela l’esistenza di una crisi di coppia apparentemente senza fine.

Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, spiega “La crisi delle coppie è dovuta sicuramente a vari fattori legati anche alla tecnologia. Abbiamo già avuto modo di dire che i social da questo punto di vista, stanno avendo una influenza negativa sui rapporti di coppia, ma è evidente che anche i ritmi della società rendono più difficile tenere in piedi una famiglia. Servono politiche adeguate”.

L’Associazione Difesa Consumatori rivela inoltre che negli ultimi anni sono in aumento anche le persone che si rivolgono alle agenzie matrimoniali per trovare l’anima gemella.

Adico lo scorso anno ha infatti seguito una decina di persone che contestavano gli scarsi risultati ottenuti tramite l’agenzia matrimoniale e gli elevati costi sostenuti. Negli ultimi cinque anni le segnalazioni di questo tipo sono state circa 170, e ciò la dice lunga su quanto siano difficili i rapporti di coppia in questo nuovo secolo.

Fonte: Adico

CASE VACANZA E AFFITTI ONLINE: IL CODICE ANTIFURBETTI

Codice identificativo anti-abusivi per le case vacanza.

Il Consiglio dei Ministri lo scorso 28 febbraio ha adottato la delega che prevede l’assegnazione di un codice identificativo per ogni struttura ricettiva.

Vale a dire per gli appartamenti affittati online, anche tramite portali come Airbnb, volto a contrastare l’abusivismo e l’illegalità dilagante in materia di affitti turistici.

La delega mira alla riorganizzazione e al coordinamento delle disposizioni per settori omogenei o per specifiche attività o gruppi di attività mediante l’aggiornamento del Codice che disciplina l’ordinamento e il mercato del turismo.

Tra le principali disposizioni, si introducono:

  • la semplificazione e l’aggiornamento del linguaggio normativo;

  • il riordino e revisione della normativa in materia di turismo, con particolare riferimento alle professioni turistiche, alla revisione della classificazione delle strutture alberghiere e del sistema premiale per le strutture e le imprese turistico ricreative;

  • l’individuazione di un sistema di monitoraggio della domanda e dell’offerta turistica al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti e per la realizzazione di un codice identificativo nazionale.

 

Entro l’estate il codice identificativo anti-abusivi

Il progetto dell’esecutivo, già preannunciato lo scorso settembre e ora inserito tra le deleghe, ruota intorno all’obbligo di introdurre un codice identificativo per ogni struttura ricettiva, compresi gli appartamenti affittati online tramite piattaforme come Airbnb che, ad oggi, conta 400mila annunci solo in Italia.


Il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del Turismo,
Gian Marco Centinaio, sottolinea l’importanza del disegno di legge delega il quale “permetterà di procedere più velocemente possibile alla realizzazione di questo fondamentale strumento che consentirà di migliorare l’offerta turistica del nostro Paese”.

 

Le Regioni apripista

La delega rappresenta un tassello essenziale per il contrasto agli abusivi e agli affitti delle case vacanza senza il pagamento regolare delle tasse, ad esempio quella di soggiorno. Il tema sarà al centro della conferenza Stato Regioni prevista il 14 marzo, in quanto la competenza prioritaria rimane proprio a carico di queste ultime.

In attesa della stretta del Governo, infatti, diverse Regioni hanno già sperimentato il sistema del codice identificativo. In particolare, le ultime a legiferare sul tema sono state Toscana e Lombardia.

Mentre la prima ha fatto scattare l’obbligo del codice “Cir” (Codice Identificativo Regionale) dallo scorso 1° marzo, l’altra ha attivato la novità dallo scorso 1° novembre con l’obbligo per tutte le strutture ricettive extralberghiere.

Tuttavia, regole diverse da Regione a Regione non hanno mancato di generare problematiche e confusione. Per questo il Ministro Centinaio dovrà ora dialogare e mettere d’accordo le realtà territoriali puntando all’adozione di una disciplina il più possibile uniforme, estendendo il codice identificativo anche alle altre Regioni e sviluppando una metodologia che assicuri la tracciabilità di ogni locazione anche per il Fisco.

Fonte: Adico

REDDITO DI CITTADINANZA: I RISULTATI DELLA PRIMA GIORNATA

Reddito di cittadinanza. Ecco quello che c’è da sapere e i risultati della prima giornata.

A partire dal 6 marzo 2019 i cittadini italiani hanno potuto presentare le prime domande di reddito di cittadinanza, la nuova misura di contrasto alla povertà, ma i primi pagamenti dovrebbero arrivare a maggio, con riferimento però ad aprile.

La prima giornata del reddito di cittadinanza in generale ha registrato poche code, solo qualche disagio informatico e attesa per l’Isee.

Da Nord a Sud gli sportelli non sono stati presi d’assalto come previsto, ma i sindacati mettono in guardia in quanto sono tantissime le domande nei Caf per compilare il modulo Isee.

Una nota del governo ha comunicato infatti che a fine giornata erano state presentate 35.653 richieste alle Poste e 8.492 online. A questi numeri vanno poi aggiunti quelli dei Caf. Alla Cisl le domande presentate sono state 3.500.

Il decreto prevede che il sussidio arrivi il mese successivo a quello della richiesta, ma in fase di prima applicazione ci potrà essere un breve slittamento nell’accredito. A ipotizzare il mese di maggio per i primi pagamenti è stata la Consulta dei Caf che in assemblea ha approvato l’ipotesi di accordo raggiunta con l’Inps sui compensi per ogni pratica lavorata.

Secondo i Caf l’Inps dovrebbe inviare le prime risposte (domanda accolta o respinta) per e-mail o sms ai richiedenti dal 26 aprile (che è un venerdì). Subito dopo, nel giro di 3-4 giorni, dovrebbe arrivare la comunicazione di Poste Italiane con l’appuntamento per la consegna della carta sulla quale sarà accreditato l’importo dovuto del reddito.

L’Inps ha fatto sapere che sarà pronto a dare le prime risposte dopo la prima metà del mese e che sarà possibile che i primi pagamenti arrivino entro la fine del mese.

Fonte – Adico   /   Fonte