Tutti gli articoli di cittadivenezia

arte laguna

13ESIMA EDIZIONE DEL CONCORSO PREMIO ARTE LAGUNA CHE QUEST’ANNO OFFRIRÀ AD ARTISTI E DESIGNER 4 COLLABORAZIONI CON AZIENDE DEL MADE IN ITALY

Sono 4 le collaborazioni con le aziende del Made in Italy che il Premio Arte Laguna offre agli artisti e designer che si iscrivono alla 13^ edizione del concorso. In palio tre premi in denaro, la possibilità di produrre nuove opere.

BUSINESS FOR ART:

Collaborazioni che il Premio Arte Laguna offre agli artisti e designer,che si iscrivono alla tredicesima edizione del concorso, con varie aziende del territorio allo scopo di connettere la creatività con il mondo produttivo.

La partecipazione richiede la compilazione di un form con un progetto dedicato. L’iscrizione è gratuita per tutti coloro che si iscrivono ad una delle sezioni di Arte Laguna Prize (vedi art.2), il form verrà inviato via email. La partecipazione ha un costo di 65 € + 22% di iva (79,30 €) per coloro che vogliono iscriversi solo ai Premi Business for Art (link ai form all’art.6).

Fraccaro Spumadoro, Treviso, Italia

Premio di 2.000 € per il progetto vincitore

La partecipazione richiede la presentazione di opere o proposte grafiche da applicare ai packaging dei prodotti dell’azienda Fraccaro Spumadoro al fine di creare un prototipo di packaging con la grafica vincitrice. La proposta presentata può essere libera o declinata per uno dei packaging utilizzati dall’azienda e deve essere ispirata dai concetti chiave “eccellenza ed eleganza artigianale, una storia di amore e semplicità lunga ottant’anni, ingredienti naturali e lievito madre, essenzialità”.

Tessitura Luigi Bevilacqua, Venezia, Italia

La storica azienda veneziana premia la migliore proposta artistica con il tessuto pregiato Velluto Soprarizzo Leoni, realizzato con telaio del 1700, del valore di 2.000 € La partecipazione richiede la presentazione di progetti che prevedano l’utilizzo del tessuto Bevilacqua. Il tema è libero, non vi sono limiti di dimensione e l’artista ha libertà di scelta sulla modalità di utilizzo del tessuto. Il vincitore riceverà una fornitura di tessuto in accordo con l’azienda, il progetto dovrà essere realizzato entro 1 anno dalla ricezione dei materiali e rimarrà di proprietà dell’artista.

47 Anno Domini, Treviso, Italia

Premio di 2000 € per la proposta artistica vincitrice

La partecipazione richiede la presentazione di opere o progetti site specific, indoor o outdoor, pensati per la valorizzazione degli ambienti di 47 Anno Domini (vedi foto degli spazi https://www.47annodomini.it/le-sale). Non ci sono limiti di dimensione, tecnica o materiale. Il tema è libero, ma il progetto deve essere ispirato all’impostazione concettuale dell’azienda che associa la produzione vitivinicola e la qualità del prodotto alle idee di bellezza, design, relax. L’azienda deciderà in seguito se sostenere la produzione del progetto per questo l’artista, in fase di candidatura, deve indicare anche i costi di realizzazione.

Maglificio Giordano’s, Cappella Maggiore (Treviso), Italia

Premio di 2000 € per la proposta artistica vincitrice

La partecipazione richiede la presentazione di opere o progetti artistici estesi anche alla fotografia, alla video arte, alla performance dove il collegamento con il mondo della moda risulti predominante. Non ci sono limiti di dimensione, tecnica o materiale. L’opera vincitrice rimarrà di proprietà dell’artista.

Per maggiori informazioni visitare il sito: Premio Arte Laguna

rete

RIPRISTINATO IL SERVIZIO DI RETE DI VODAFONE, IL NORD ITALIA RISULTA ESSERE L’AREA MAGGIORMENTE COLPITA DAI DISSERVIZI

I disservizi si sono registrati nel Nord Italia, in particolare Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Ma con il passare delle ore, il problema si è diffuso.

Dopo un lungo blackout è stato ripristinato il servizio di rete Vodafone, durato diverse ore. Il tutto mentre si chiudevano le aste per il 5G, la nuova generazione di rete cellulare. Oggi i possessori di una SIM dell’operatore rosso si sono svegliati constatando che il servizio non funzionava. Un colossale blackout che riguardava sia la linea voce che la connessione internet, per entrambi i marchi con cui l’operatore è presente in Italia: Vodafone, appunto, ma anche la nuova low cost Ho. I disservizi si sono registrati nel Nord Italia, in particolare Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Ma con il passare delle ore, il problema si è diffuso anche al Lazio e Roma, al sud Italia, in particolare nella zona di Napoli, Calabria, Puglia e Sicilia.

Per ore sono arrivate migliaia di segnalazioni legate al disservizio. Molti utenti, specie nella zona di Torino, hanno lamentato anche problemi per le connessioni fisse, via Adsl e fibra ottica, ora risolti.

Qualcuno ha lamentato anche l’assenza di rete mobile, mentre per il wi-fi non è stato segnalato alcunché. Inutile dire che nell’arco di breve tempo il numero di clienti Vodafone 190 è stato letteralmente tempestato di chiamate da parte di utenti indignati che volevano informazioni sul blackout.

Impossibile parlare con un operatore poiché, visto l’altro numero di richieste di assistenza, Vodafone ha ben pensato di inserire il risponditore automatico che avvertiva di problemi tecnici in via di risoluzione.

Inutile dire che su Twitter e Facebook si è scatenato l’inferno, a causa di clienti Vodafone nel panico più totale, vista l’assenza di servizi. La situazione era abbastanza grave fin dalla prima mattina e ben fotografata da DownDetector: le segnalazioni dei problemi Vodafone hanno raggiunto in poco tempo quota 1500. A metà mattina comunque l’azienda ha comunicato che è stato ripristinato il servizio.

premio arte laguna

PREMIARE L’ARTE SOSTENIBILE: IL PREMIO ARTE RIUSO E SOSTENIBILITÀ DEL 2018 SI FOCALIZZERÀ SULLA PLASTICA

Per il 2018 il Premio ARS: Arte Riuso e Sostenibilità si focalizzerà sulla plastica e, in particolare, sugli imballaggi prodotti in materie plastiche, con il sostegno del consorzio Corepla.

Il Premio Arte Laguna attraverso l’arte ha l’obiettivo di interessare la comunità locale e internazionale ai temi della sostenibilità, nello specifico valorizzando le strategie delle RRR (Riuso, Riciclo, Riduco) con un focus sul recupero e la valorizzazione di alcuni materiali. Per il 2018 il Premio ARS: Arte Riuso e Sostenibilità si focalizzerà sulla plastica e, in particolare, sugli imballaggi prodotti in materie plastiche, con il sostegno del consorzio Corepla.

Dal 2015 il Premio Arte Laguna ha dato vita ad una sezione speciale del concorso internazionale dedicata alla Sostenibilità e all’Arte promuovendo una sensibilizzazione del gesto artistico, della creatività, del design e in generale delle arti visive e performative nei confronti delle strategie di Riuso Riduco Riciclo.

Il Premio ottiene il patrocinio morale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Insieme per premiare l’arte sostenibile, originale e creativa questo l’obiettivo della sinergia nata tra il Premio Arte Laguna, il Consorzio Corepla (Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica) e l’Università Ca’ Foscari di Venezia, attraverso il programma Ca’ Foscari sostenibile.

Il vincitore, che si aggiudicherà un premio di 3.000 euro, sarà scelto da un’apposita commissione di cui faranno parte oltre al Presidente di giuria del Premio Arte Laguna e curatore Igor Zanti anche l’Università Ca’ Foscari e Corepla, la proclamazione ufficiale sarà in occasione dell’inaugurazione della mostra dei finalisti all’Arsenale di Venezia il 16 Marzo 2019.

Maggiori informazioni e bando di concorso sono disponibili su: www.premioartelaguna.it

I PARTNER

Corepla (Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica)

Corepla è il consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero dei rifiuti di imballaggi in plastica, nato con il decreto legislativo 22/97 e attualmente regolato in base al decreto legislativo 152/06. Con circa 2.600 imprese consorziate della filiera del packaging in plastica (produttori di materia prima, produttori di imballaggi, utilizzatori che autoproducono i propri imballaggi, riciclatori), Corepla garantisce che gli imballaggi raccolti in modo differenziato in 7.000 Comuni italiani siano avviati a riciclo e recupero con efficienza, efficacia ed economicità.

Università Ca’ Foscari Venezia

L’Università Ca’ Foscari Venezia dal 2010, attraverso il programma Ca’ Foscari sostenibile, si occupa di promuovere la sostenibilità. Ca’ Foscari si impegna ogni anno ad incoraggiare azioni e comportamenti che riducano l’impatto dell’università sull’ambiente e sulle risorse naturali, e a promuovere il benessere della comunità, l’equità sociale e lo sviluppo economico.

casaclima

SEMPRE MENO HOTEL A 1 O 2 STELLE E STRUTTURE CARENTI SOTTO IL PROFILO DEL RISPARMIO ENERGETICO.

L’8 ottobre alla Fiera di Padova in occasione della Giornata dell’albergatore organizzata da CasaClima Network Padova Rovigo Venezia si è discusso di sostenibilità e di risparmio energetico nel turismo.

Con 58 milioni di presenze l’Italia è la quinta meta del turismo internazionale, dopo Francia (in testa con 75 milioni), Spagna, Stati Uniti e Cina. In fatto di sostenibilità ambientale del turismo però siamo al 37° posto dopo Paesi insospettabili come Zambia e Costarica. Il che significa che le nostre strutture ricettive sono molto carenti sotto il profilo del risparmio energetico e di altri parametri legati anche al comfort.

Nel suo intervento al convegno Hotel Welness, Martina Demattio responsabile progetti ClimaHotel e CasaClima Welcome di Casa Clima Bolzano, ha ricordato come il numero degli hotel italiani tra il 2008 e il 2016 sia diminuito di quasi 3.000 unità mantenendo tuttavia stabile il numero delle camere (circa 1.100.000); e come siano cresciuti del 46% gli alberghi a 5 stelle, del 24% quelli a 4 stelle e di 14.000 unità i B&B a fronte di un calo degli hotel da 1 a 2 stelle.

“Parlando di consumi – ha detto l’esperta – l’80% della bolletta energetica degli hotel riguarda l’energia elettrica”: ed è proprio su questo e su altri parametri che si incentra l’attenzione di chi – come CasaClima – certifica gli standard di qualità delle strutture. “Gli hotel si sottopongono ai nostri controlli in modo volontaristico per ottenere il certificato ClimaHotel al termine dei nostri controlli in cantiere nella fase costruttiva, ma anche dopo le verifiche di parametri acustici, di uso di materiali, idrici, di qualità dell’aria, di luce naturale”. In tutta Italia dopo 9 anni di valutazioni esistono solo 23 strutture che vantano la certificazione di sostenibilità ClimaHotel: capofila è il Trentino Alto Adige, mentre il Veneto ha due alberghi in provincia di Verona. Di uno di questi, l’Aqualux di Bardolino, ha parlato l’ingegner Marco Graiff dello Studio tecnico Carlini – Ingenierbüro che si è occupato di gestirne gli impianti: “Per produrre energia in modo ottimale – ha detto – l’hotel usa la geotermia “non a sonde chiuse” prelevando acqua di falda per riscaldare e raffrescare i 3 piani dell’edificio, con notevoli risparmi”. Ai lavori hanno preso parte albergatori del bacino euganeo e professionisti del settore.

Proseguono fino a domenica 14 ottobre le consulenze gratuite fornite da 19 esperti di tre province nell’area CasaClima Network Padova Rovigo Venezia del padiglione 1 di Casa su misura, con orario 16- 20 nei feriali previa prenotazione sul sito http://padova-rovigo.casaclima-network.info/it/informazione/index/1-0.html).

Ingresso libero per le donne: il mercoledì a “Casa su misura” le donne entrano gratis; per gli altri dalle ore 16 alle 21, il biglietto è di 5 euro (nei feriali, 4 i ridotti).

Per maggiori informazioni visitare il sito: CasaClima

bolletta

NOVITÀ SULLE BOLLETTE DI GAS E LUCE, A BREVE SARA’ OBBLIGATORIO PORRE LA DATA DI SPEDIZIONE SULLE FATTURE EMESSE

La misura servirà a individuare le responsabilità nel caso in cui i consumatori ricevano fatture già scadute.

A fine settembre scadono i termini per la consultazione pubblica, poi sarà compito del Ministero dello Sviluppo Economico adottare e rendere operativo il relativo regolamento.

Le nuove regole sulle bollette non sono ancora in vigore, ma tra pochi mesi le novità potrebbero diventare realtà. Lo scopo di tale rivoluzione sarebbe proprio quello di limitare le controversie tra gestori dell’energia e clienti finali.

Nella legge di bilancio approvata dal precedente governo, è infatti scritto nero su bianco che deve essere l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni a stabilire “le modalità tecniche e operative che il servizio postale deve osservare per assicurare la certezza della data di spedizione delle fatture agli utenti da parte dei soggetti gestori di servizi di pubblica utilità”.

RITARDI NELLA CONSEGNA DELLA CORRISPONDENZA

A chi, del resto, non è capitato di trovare nella propria cassetta della posta una bolletta già scaduta o prossima alla scadenza? Tra la data di emissione e quella di scadenza devono esserci almeno 20 giorni di differenza. Sono state numerose le segnalazioni da parte di utenti e Sindaci che lamentavano ritardi nella consegna della corrispondenza ed in particolare proprio delle fatture/bollette da parte degli operatori postali, con evidenti conseguenze negative per i cittadini: interessi di mora per ritardato pagamento fino all’ interruzione del servizio per mancato pagamento.

Inoltre negli ultimi mesi, spiega ancora l’Agcom si sono verificati numerosi casi di dispersione/distruzione di invii postali affidati al fornitore del servizio universale e ad altri operatori postali che hanno determinato l’avvio di procedimenti sanzionatori da parte dell’Autorità.

Sarà compito del Ministero dello Sviluppo Economico adottare e rendere operativo il relativo regolamento. L’Agcom ritiene che un periodo transitorio di 6 mesi dalla pubblicazione della delibera finale possa essere considerato congruo per gli operatori postali per adeguare i propri sistemi produttivi al fine di procedere alla stampa della data di spedizione sulle buste che contengono le fatture.

Fonte: Associazione Difesa Consumatori

metoo

HAI MAI SUBITO MOLESTIE SESSUALI? LEGGI LA GUIDA CHE VPNMENTOR HA CREATO PER CONSENTIRE ALLE DONNE DI NAVIGARE IN INTERNET SENZA PAURA

Hai mai subito molestie per strada? Hai ricevuto un messaggio squallido su un’app di appuntamenti? Un collega ha fatto un commento fuori luogo sul tuo aspetto? Non sei sola.

Grazie al movimento #MeToo, è sufficiente accedere a Twitter o Facebook per vedere quante donne sono vittime di molestie sessuali. Sia di persona che online, in un modo o nell’altro, le donne di tutto il mondo si sono trovate in questo genere di situazione. E con tutti i nuovi modi in cui Internet ha aperto le vie di comunicazione, le molestie online sono più diffuse che mai.

Secondo uno studio effettuato dal Pew Research Center, la maggior parte delle molestie online avviene sui social media. Sebbene anche gli uomini siano vittime di molestie online, che includono insulti, derisioni e minacce fisiche, lo studio ha rilevato che online, le donne hanno più del doppio della probabilità di subire molestie sessuali rispetto agli uomini. Inoltre, più della metà delle donne di età compresa tra i 18 ei 29 anni riferisce di aver ricevuto immagini sessualmente esplicite senza aver dato il proprio consenso. Le donne sono spesso intimidite al punto di tacere, e preferiscono lasciar correre piuttosto che rischiare di mettersi in pericolo.

Esistono però alcuni modi per proteggersi.

VPNMENTOR spera che la sua guida incoraggi le donne di tutto il mondo a difendersi e a proteggersi, e a reagire alle molestie sessuali, sia dentro che fuori al web.

MOLESTIE SUI SOCIAL MEDIA

La maggior parte delle molestie online avviene sui social media, il che ha senso considerando quanto tempo la maggior parte di noi trascorre su queste piattaforme. La diffusione dei social network, spesso combinati con l’anonimato, porta a una realtà in cui qualsiasi cosa pubblichi, twitti o condividi ti espone a potenziali abusi. Per proteggere la propria privacy e tenere separato realtà da mondo virtuale è importante considerare l’idea di creare profili multipli quindi ad esempio un profilo pubblico e un profilo personale; inoltre risulta importante bloccare e segnalare subito i molestatori e per ultimo è molto importante, al fine di evitare episodi di stalking e doxting, usare il geotag che fornisce informazioni sulla posizione da cui sono stati inviati.

MOLESTIE SUL LAVORO

Sfortunatamente, l’abuso è anche prevalente negli ambienti di lavoro. Secondo uno studio, una donna su tre di età compresa tra 18 e 34 anni è stata molestata sessualmente sul lavoro. Il 25% di quelle donne ha subito molestie online tramite messaggi o via e-mail, tuttavia il 71% di queste donne non l’ha segnalato.

Possiamo solo ipotizzare le ragioni per questo, ma una di queste potrebbe essere perché non è definito in modo chiaro cosa sia molestia sessuale e cosa no.

Tuttavia, alcuni esempi di molestie sessuali includono:

1.Condividere immagini o video sessualmente inappropriati.

2.Inviare lettere, messaggi o e-mail con contenuti allusivi.

3.Raccontare barzellette oscene o aneddoti sessuali.

Ma anche questi comportamenti sono ambigui! Se qualcuno invia una foto del suo pene, si tratta chiaramente di molestia sessuale, ma un commento a sproposito potrebbe anche essere frainteso.

Quindi, come fai ad essere certa che si tratta di molestia sessuale?

Se non ne sei sicura, pensa a come ti senti. Il commento ti ha messo a disagio? Ci trovi qualcosa di sgradevole? Se sì, è probabile che l’atteggiamento di fondo dovrebbe essere considerato molestia sessuale.

Le molestie sessuali hanno forme diverse e quando avvengono online spesso è ancora meno ovvio identificarle. Eppure, succede ancora. Se ti trovi in una situazione professionale in cui ti senti a disagio, dovresti iniziare immediatamente a tenere traccia di questi avvenimenti. Spesso i casi più grandi sono costruiti su una serie di piccoli incidenti che, se non adeguatamente documentati, non potranno essere utilizzati come prove.

Anche se non sei sicura che un dato episodio valga come molestia, è meglio trattarlo come tale prima che la situazione peggiori e tu decida finalmente di agire.

La tecnologia e Internet svolgono un ruolo importante nelle nostre vite sia in termini positivi che negativi. Come donne, siamo prese di mira online per molte ragioni diverse, ma ciò non significa che dovremmo disimpegnarci o disconnetterci.

La nostra speranza è che questa guida ti possa consentire di proteggere e difendere te stessa online e di persona e che gli strumenti che ti forniamo ti possano aiutare a farlo.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTA LA GUIDA COMPLETA SU: https://it.vpnmentor.com/blog/una-guida-per-permettere-alle-donne-di-essere-online-in-sicurezza/

Fonte: VPNMENTOR Blog

tram

LE ROTAIE DEL TRAM MESTRINO SONO UNA VERA E PROPRIA TRAPPOLA PER CICLISTI E MOTOCICLISTI

MESTRE. Le rotaie del tram mestrino continuano a rappresentare una trappola soprattutto per ciclisti e motociclisti.

Molti sono i i cittadini che si rivolgono allo sportello “risarcimento danni” dell’Adico dopo essersi infortunati sui binari colpevoli di aver fatto cadere decine di persone, alcune delle quali hanno subito danni fisici molto seri alcuni anche risultati letali. L’ufficio legale dell’ associazione anche in questi ultimi giorni si è ritrovato a seguire più di un socio vittima di quelle rotaie che creano problemi anche alle auto, facendole spesso sbandare, figuriamoci ai mezzi con due ruote. Le rotaie che sono una insidia evidente, segnalata dai cartelli, e impongono cautela se si viaggia su due ruote ma si possono mettere in atto correttivi per potenziare la sicurezza. Come le corsie riservate, tema caro anche ai sindacati dei lavoratori di Actv.

I binari del tram sono senza dubbio una insidia per chi ci passa sopra e l’associazione Adico ha da subito denunciato questo problema avendo seguito moltissimi soci rimasti feriti dopo la caduta sulle rotaie. Adico ha dovuto aprire un intero fascicolo visto le richieste di assistenza. Purtroppo allo stato attuale non sono mai arrivate risposte positive ma l’associazione non intende arrendersi, essendo sotto gli occhi di tutti la pericolosità di quel binario”. L’intervento di un ufficio legale diventa comunque necessario prima di procedere in qualsiasi altro modo. Tramite lo sportello “risarcimento danni” l’associazione chiede al Comune l’apertura del sinistro e intima il pagamento di un risarcimento. E’ questo il primo necessario passo prima, per esempio, di rivolgersi al Tribunale.

“Noi proseguiamo la nostra battaglia – continua Garofolini – e mi auguro che presto vengano riconosciute le responsabilità di questo tipo di binario in relazione alle tante cadute che sono avvenute in ogni zona di Mestre. E’ evidente che le rotaie non siano state realizzate a regole d’arte come testimonia il fatto che sono avvenuti decine di incidenti e continuano ad avvenire ancora oggi”.

Fonte: ADICO

cecil

IL PREMIO ARTE LAGUNA IN OCCASIONE DELLA VENICE GLASS WEEK PRESENTA L’INSTALLAZIONE DI VETRO DELL’ARTISTA OLANDESE CECIL KEMPERINK

Durante l’evento l’artista porterà gli spettatori a vivere la sua opera realizzata con i maestri vetrai. Un’installazione che si fa performance per immergersi completamente nella creazione in vetro di Murano.

Il Premio Arte Laguna presenta, venerdì 14 settembre alle ore 16.00 presso gli spazi di Fornace Mian, l’installazione di vetro dell’artista olandese Cecil Kemperink.

Fornace Mian aprirà i suoi spazi per mostrare al pubblico l’opera ideata dall’artista olandese e realizzata in fornace, assieme ai maestri vetrai di Murano. L’artista olandese ha avuto la possibilità di trascorrere un periodo di residenza a Venezia in quanto vincitrice di uno dei programmi di “Residenze d’artista” al 12° Premio Arte Laguna assegnato a marzo 2018.

Murano Glass Art Residency è un progetto dedicato alla valorizzazione del vetro di Murano concepito come format dal Premio Arte Laguna, concorso di arte contemporanea tra i più importanti e affermati nel panorama internazionale. Creato per premiare la creatività di un artista che ha il desiderio di sperimentare e lavorare il prezioso materiale conosciuto in tutto il mondo.

CECIL KEMPERINK:

L’artista nata in Olanda nel 1963, è una scultrice che lavora da sempre con diversi materiali, esplorandone la forma, il movimento, l’energia e il suono, spinta dalla voglia di conoscere a fondo la materia con cui lavora. “Prima di questa residenza non avevo esperienza nel lavoro con il vetro” – commenta Cecil – “sono molto fortunata di poter lavorare con i grandi esperti di questo materiale. Scopro molte differenze e anche somiglianze tra vetro e ceramica, il materiale con cui avevo realizzato le mie opere fino ad ora. Nell’installazione Hold me il cerchio è la forma predominante, il concetto è quello di amare, abbracciare, sentirsi al sicuro e io mi sento abbracciata e amata da Venezia, dalla fornace, dalla sua gente e dalla vita.”

La fornace dell’arte contemporanea con l’artista Cecil Kemperink

Venerdì 14 settembre 2018 ore 16.00

Fornace Mian

Fondamenta dei Vetrai 138 – 30141 Murano, Venezia

Per info: +39 347 279 0099 info@artelagunaprize.com

Evento gratuito

premio laguna

NUOVA EDIZIONE DEL PREMIO ARTE LAGUNA CON UNA NUOVA SEZIONE DEDICATA AL DESIGN ED UN PREMIO DI 7 MILA EURO PER OGNI VINCITORE

Il premio Arte Laguna apre la nuova edizione con una grande novità: una nuova sezione dedicata al Design! Una giuria internazionale di 13 esperti d’arte selezionerà le migliori opere e assegnerà 42mila euro in denaro ai 6 vincitori assoluti.

Il Premio è aperto a tutti gli Artisti e Designer, senza limiti di età, sesso, nazionalità o altra qualificazione. Ogni artista può partecipare anche a più sezioni presentando un portfolio di opere inedite o non inedite. Il tema è libero. Di seguito i dettagli di ogni sezione

Pittura

opere realizzate in piena libertà stilistica e tecnica (olio, tempera, acrilico, inchiostro, vinile, acquerello, grafite, matita, collage, stampa di vario tipo, etc.) e su qualsiasi supporto (tela, carta, legno, plastica, ferro, etc.). Le misure massime consentite sono di cm 175 per lato.

Scultura e Installazione

opere create in qualsiasi materiale organico o inorganico, possono anche avvalersi di suoni, luci, video e movimenti meccanici o elettrici. Le misure massime consentite sono: base 4 metri, profondità 4 metri, altezza 8 metri, non ci sono limiti di peso. Le opere che prevedono l’allestimento in spazi bui dovranno essere adattabili allo spazio espositivo a disposizione.

Arte fotografica

fotografie su supporto analogico o digitale, fotografie con elaborazioni digitali. Le misure massime consentite sono di cm 175 per lato.

Video Arte e Cortometraggi

video, film, slow motion, time-lapsee e opere realizzate con tutte le tecniche di animazione su qualsiasi supporto digitale e analogico, cortometraggi cinematografici, promozionali, di computer grafica. Durata massima 15 minuti. Per la candidatura il file video deve essere caricato on-line e non deve superare i 500 mb.

Performance

performance realizzate da uno o più artisti con qualsiasi tecnica e forma espressiva e con l’ausilio di qualsiasi materiale di supporto fornito dall’artista. Gli artisti finalisti si esibiranno la sera dell’inaugurazione presentando la performance in una versione che non superi i 10 minuti.

Arte Virtuale

opere interamente realizzate al computer o facendo uso di applicazioni e dispositivi digitali: video, installazioni, performance in cui l’utilizzo dei media digitali giochi un ruolo significativo in termini di processo creativo e di contenuto; net art, software, dispositivi interattivi, videogame, progetti di augmented reality, rapid prototyping ecc. Le opere che prevedono un’installazione dovranno essere adattabili allo spazio espositivo a disposizione.

Grafica Digitale

immagini e opere generate o manipolate attraverso l’utilizzo di computer, tablet, smarthphone, applicazioni, dove l’intervento tecnologico risulti predominante. Sono incluse opere di pittura digitale, gif e fotografie con prevalenti interventi di manipolazione. Le opere finaliste saranno allestite su monitor o stampate su supporti bidimensionali di dimensioni massime 175 cm per lato.

Arte Ambientale

opere o progetti di arte ambientale e paesaggistica dove l’intervento artistico interagisce con l’ambiente per il quale è stato pensato. Non vi sono limitazioni nella scelta del luogo di intervento. Le opere o i progetti presentati devono essere collegati alla natura e alle sue caratteristiche e più in generale allo spazio ambientale o al paesaggio in cui si inseriscono. Le opere finaliste saranno allestite su pannelli esplicativi.

Arte Urbana

opere o progetti di arte urbana, riqualificazione, street art, graffiti e stencil art dove l’intervento artistico è in relazione con il tessuto urbano e lo spazio pubblico in cui viene pensato e può prevedere l’uso di qualsiasi tecnica (bombolette spray, adesivi artistici, arte normografica, proiezioni video, installazioni ecc..). Non vi sono limitazioni nella scelta del luogo di intervento. Le opere finaliste saranno allestite su pannelli esplicativi.

Design – realizzata con il supporto di Antrax

arredo o complementi d’arredo che arricchiscono l’esperienza abitativa in cui la componente visiva è predominante. Sono compresi finiture e outdoor, non sono accettati elettrodomestici o componenti elettronici. I designer finalisti dovranno presentare un prototipo a grandezza reale o ridotto in scala affinché la dimensione massima del prototipo non superi i 100 cm per lato.

La selezione delle Opere candidate è effettuata da una giuria internazionale composta da 13 membri suddivisi nelle sezioni di concorso.

FONTE:Premio Arte Laguna

driving

MEMORANDUM PUNTI PATENTE, COME RECUPERARLI E POSSIBILI DECURTAZIONI IN BASE ALL’ INFRAZIONE

Non tutti ricordano come funziona il sistema dei punti della patente e soprattutto come verificare il saldo attuale della propria autorizzazione alla guida. In base alla condotta di guida è possibile ottenere punti oppure perderli.

Qualora non si commettano infrazioni partendo da un totale di 20 punti è possibile ottenere due punti ogni anno mentre, qualora si dovessero violare le norme del Codice della Strada, questi possono essere detratti in base alla singola infrazione. Il massimo dei punti previsti è di 30 oltre questo limite, anche in caso di ulteriori anni di “buona condotta”, non è possibile andare.

Come verificare i punti della patente?

Sono presenti tre metodi per verificare il proprio stato di punti presenti nella patente:

– tramite consultazione online del sito del Portale dell’automobilista; il Portale dell’automobilista è il sito di servizi online del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. E’ necessaria la registrazione per poi accedere a una serie di informazioni (revisioni, veicoli e caratteristiche e, appunto, patenti) tra i quali c’è anche il saldo, messo in bella evidenza con tutto lo storico, ovvero i bonus guadagnati e i punti persi.

-tramite numero di telefono; il totale dei punti può essere controllato anche attraverso una telefonata al numero 848 782 782 (al costo di una chiamata urbana). Il servizio è attivo 24 ore su 24.

– tramite un’app da scaricare sullo smartphone; il sisitema che noi suggeriamo perché più agevole e immediato per rimanere aggiornati sullo stato della patente. L’ app gratuita è IPatente alla quale è possibile collegarsi direttamente al proprio profilo usufruendo dei dati del Portale dell’Automobilista ma con una modalità più pratica e diretta.

Come recuperare i punti sulla patente?

Per recuperare punti si può decidere di frequentare i corsi presso le autoscuole o i centri autorizzati dal Ministero dei Trasporti. Dopo 12 ore di lezione si andranno a recuperare fino a 6 punti non potendo, comunque, andare oltre il limite di 20. In questi corsi sono trattati vari argomenti e non sempre è necessario sostenere un esame, ma è sufficiente la raccolta delle presenze.

Fonte: Adico